La Selezione il Parco i Formaggi

48,00

Così ricca di sfaccettature la Puglia sa affascinare chiunque. Ogni angolo di questa terra ha una diversa storia a renderlo unico. Così come si dice che dietro ogni formaggio c’è un pascolo di un diverso verde, sotto un diverso cielo con diversi segreti di lavorazione tramandati nel tempo. Con il Box “LA SELEZIONE IL PARCO I FORMAGGI” potrete gustare una delle arti più antiche del nostro territorio.

SKU: FormaggiCategoria:

48,00

Peso3.30 kg
Dimensioni38.5 × 27 × 16 cm
Contenuto del Box

n°1 Blu di Bufala "La Selezione Il Parco i Formaggi" (350g circa), n°1 Caciocavallo Stagionato "La Selezione Il Parco i Formaggi" (550g circa, latte di mucca), n°1 Caciotta di Bufala "La Selezione Il Parco" (270g circa), n°1 Camembert di Bufala "La Selezione Il Parco" (380g circa), n°1 Pecorino Stagionato "La Selezione Il Parco i Formaggi" (300g circa, Latte di Pecora), n°1 Quadrello di Bufala "La Selezione Il Parca i Formaggi" (300g circa)


Blu di Bufala

Il Blu di Bufala è una delle delizie italiane a contraddistinguerci a livello mondiale per qualità e gusto. Se ti piacciono i formaggi intensi, ma non troppo forti, pungenti, ma con eleganza, questo è il formaggio che fa per te. Il sapore dolce del latte di Bufala è unito all’erborinatura che regala piccantezza. Il 2017 è stato un importante anno per il Blu di Bufala, premiato al World Cheese Award come il secondo formaggio migliore al mondo. La forma caratteristica di questo formaggio è quadrata e presenta all’esterno una crosta asciutta e rugosa di un grigio ambrato. Il colore scuro della crosta è richiamato all’interno dalle venature blu che si mischiano al bianco panna della pasta cremosa, il profumo lattico precede un sapore mediamente intenso e sapido. Nella preparazione del Blu di Bufala, viene impiegato il Penicillium Roqueforti, una muffa selezionata che darà luogo, in stagionatura, all’erborinatura. In bocca si percepiscono perfettamente, all’inizio dell’assaggio, la delicatezza del burro e della panna, gradualmente, poi, emergono gli aromi del Penicillium, il fungo e il sottobosco. Intensità ed eleganza si incontrano nel Blu di Bufala.

Proprio per la sua doppia natura questo è un formaggio perfetto da gustare in
modalità “meditazione” con un grande Passito; sublime se abbinato alla mostarda di fichi. Un altro abbinamento è quello con del miele di Tiglio. Al formaggio e al miele, se vuoi esagerare, puoi aggiungere delle nocciole tostate. Se invece preferisci utilizzare il Blu di Bufala per delle preparazioni in cucina, beh, ti puoi davvero sbizzarrire. Puoi partire con il più classico dei risotti mantecato al Blu di Bufala, per passare alla polenta con questo erborinato. Sciolto sulla zucca al forno è uno spettacolo per il palato. Sulla pizza con delle cipolle rosse ti farà toccare il cielo con un dito…
Conserva il Blu di Bufala nella parte meno fredda del frigorifero, all’interno di un incarto che consenta il passaggio dell’aria, non in pellicole di plastica che possono causare la fermentazione del formaggio. Evita in ogni caso calore e freddo eccessivo. Toglilo dal frigo almeno un’ora prima di servirlo in modo che sia a temperatura ambiente.

Ingredienti: latte di bufala, sale, caglio
Allergeni: latte e prodotti a base di latte (incluso lattosio)
Aspetto interno: color panna chiaro con tipiche venature
Aspetto esterno: crosta asciutta di colore ambrato grigio, non edibile, forma quadrata
Tipo imballo primario: sottovuoto
Tipo imballo secondario: polistirolo
Stagionatura: minima 45 gg
Scadenza: 60 gg
Temperatura di conservazione: da 2 °c a 4°c
Origine del latte: Italia
Peso (g): 350 circa


Camembert di Bufala

Il Camembert è originario della Francia, di un paesino normanno che porta il suo nome. La leggenda narra che una contadina, in seguito alle confidenze di un prete, abbia inventato un formaggio a pasta molle con crosta e che questa abbia poi trasmesso i segreti della lavorazione alla figlia.
Formaggio dalla consistenza morbidissima e dal sapore molto delicato, il Camembert di Bufala è un vero gioiellino molto apprezzato anche dai più raffinati francesi. Uno straordinario incontro quello tra il camembert, dal sapore intenso e dolce, e il latte di bufala ricco di materia grassa, che si presta magnificamente a questo formaggio conferendogli un gusto leggermente fruttato, dal retrogusto quasi acidulo e una consistenza lussureggiante. Ogni formaggio ha una sua storia e delle caratteristiche che lo rendono unico. La crosta fiorita ed edibile del Camembert di Bufala regala sensazioni antiche, custodisce un cuore gentile, delicato e insieme strutturato dal sapore dolce e poco salato che siamo certi vi convincerà. Nessuno strappo, inizialmente cremoso e soffice vi porterà gradualmente lontano. La superficie è asciutta, di color avorio, con i classici segni del telaio impiegato durante la maturazione che donano venature giallo paglierino. La pasta ha una struttura elastica, solubile e leggermente adesiva. L’aroma ricorda il burro fuso e per i veri intenditori la
crosta regala una sensazione di fungo. La consistenza cremosa, le intense note aromatiche, il gusto intenso e molto persistente fanno del Camembert di Bufala un piccolo scrigno d’arte.

Dopo una stagionatura di 15-20 giorni, il Camembert di bufala è pronto per essere gustato.
Ottimo consumato caldo in modo tale che il cuore si sciolga. Prezioso come antipasto, adatto come secondo o per la chiusura del pasto come
amano i francesi. Si appoggia magnificamente ad un buon vino toscano ma sogna anche il corpo morbido di una malvasia. La crosta è edibile, il Camembert di Bufala si mangia tutto!
Conservalo nella parte meno fredda del frigorifero, all’interno di un incarto che consenta il passaggio dell’aria, non in pellicole di plastica che possono causare la fermentazione del formaggio, se necessario copri con un panno la parte tagliata. Evita in ogni caso calore e freddo eccessivo. Toglilo dal frigo almeno un’ora prima di servirlo in modo che sia a temperatura ambiente.

Ingredienti: latte di bufala, sale, caglio, fermenti lattici e penicillium allergeni: lattosio
Aspetto interno: pasta bianca perlacea, morbida
Aspetto esterno: crosta fiorita, forma cilindrica
Tipo imballo primario: incarto con carta vegetale o sv
Tipo imballo secondario: polistirolo
Stagionatura: 30 gg
Scadenza: 60 gg
Temperatura di conservazione: da 2 °c a 4°c
Origine del latte: Italia
Peso (g): 380 circa


Caciotta di Bufala

Il suo nome deriva da “Cacio”, appellativo latino che si cominciò a utilizzare dall’Ottocento per indicare tutti i formaggio della penisola. La Caciotta è un formaggio di lunga tradizione, nato per l’esigenza dei pastori di creare un prodotto meno piccante del Pecorino, che potesse essere pronto in un tempo minore. La Caciotta di latte di Bufala ha dato vita ad un incontro di morbidezza e delicatezza, dall’intenso profumo, unico nel suo genere. Il sapore, una particolare altalena tra dolce e salato, apre il sipario al gustoso e tipico retrogusto di latte bufalino. La Caciotta di Bufala è un formaggio semistagionato, dalla forma tonda, con una consistente crosta di colore giallo chiaro che contorna l’avorio della sua pasta morbida ma compatta, con la caratteristica occhiatura rada. Il dolce del latte, unito alla salatura che precede la stagionatura di questo fresco formaggio di Bufala, saprà coccolare il tuo palato con decisione.

La Caciotta di Bufala è un formaggi molto saporito, perfetta quindi se abbinata ad un buon vino poco aromatico e gustata al naturale in modo da apprezzarne appieno il sapore. Abbinata a salumi freschi o stagionati, con del buon pane casereccio e le immancabili olive ti porterà nella tipica masseria pugliese. La giusta nota di gusto in più a sandwich, insalate, insalate di riso, pasta.. In alternativa, dopo aver scaldato per bene una padella, provate a grigliarla: la croccantezza della crosta in contrasto con la pasta interna dolce e morbida vi faranno provare sensazioni mai sperimentate prima.
Per conservare al meglio la Caciotta di Bufala è consigliato, una volta aperta, avvolgerla in un telo di lino umido, in modo che la fetta a contatto con l’aria non si secchi ma resti morbida come appena tagliata. Evita in ogni caso calore e freddo eccessivo, utilizza la parte meno fredda del frigorifero, togliendola almeno un’ora prima di servirla in modo che sia a temperatura ambiente.

Ingredienti: latte di bufala, sale, caglio
Allergeni: lattosio
Aspetto interno: pasta morbida con occhiatura rada
Aspetto esterno: crosta pulita, forma cilindrica
Tipo imballo primario: sottovuoto
Tipo imballo secondario: polistirolo
Stagionatura: 30 gg
Scadenza: 60 gg
Temperatura di conservazione: da 2 °c a 4°c
Origine del latte: Italia
Peso (g): 270 circa

Quadrello di Bufala

Il Quadrello di Bufala, nato dalla necessità di dover consumare il latte nel periodo invernale, ha sorpreso tutti aggiudicandosi per due anni consecutivi la medaglia d’oro al World Cheese Award. L’equilibrio tra il dolce e il salato lascia un ricordo ammaliante in bocca mentre si attraversano tutte le sfaccettature di questo formaggio. Ha aromi di foglie macerate, di fieno fermentato con l’aggiunta di note animali oltre che di burro e panna. Il Quadrello di Bufala è un formaggio morbido, prodotto con solo latte di bufala intero e pastorizzato, pressato in casse di legno dalle quali assume la caratteristica forma. Viene stagionato per circa due mesi seguendo la tipica ricetta dei formaggi a crosta lavata che determina il colore rosso aranciato della crosta. La parte centrale della pasta è grassa e consistente, profuma di latte cotto ed erbe, mentre sotto la crosta è più morbida e odora di sottobosco, di colore paglierino, con piccole occhiature diffuse. Il gusto è quello pieno del latte di Bufala che, unito alla freschezza aromatica, saprà deliziare il tuo palato.

Il Quadrello di Bufala è un formaggio che sostiene bene il confronto con vini rossi anche importanti, non disdegna un bianco dal profumo intenso oppure birre artigianali ambrate o scure. È ottimo con la polenta e in abbinamento ad arrosti o selvaggina come fine pasto. In purezza abbinalo a noci, nocciole, pane cotto a legna così da gustare in pieno la struttura e la sensazione di questo formaggio.
Conserva il Quadrello di Bufala nella parte meno fredda del frigorifero, all’interno di un incarto che consenta il passaggio dell’aria, non in pellicole di plastica che possono causare la fermentazione del formaggio. Evita in ogni caso calore e freddo eccessivo. Toglilo dal frigo almeno un’ora prima di servirlo in modo che sia a temperatura ambiente.

Ingredienti: latte di bufala, sale, caglio
Allergeni: latte e prodotti a base di latte (incluso lattosio)
Aspetto interno: pasta molle elastica con piccole occhiature color paglierino aspetto esterno: crosta lavata, forma quadrata
Tipo imballo primario: sottovuoto
Tipo imballo secondario: polistirolo
Stagionatura: 30 g
Scadenza: 60 gg
Temperatura di conservazione: da 2 °c a 4°c
Origine del latte: Italia
Peso (g): 300 circa


Pecorino Stagionato

La produzione del formaggio Pecorino affonda le sue radici nella storia della cultura gastronomica Italiana. L’acquisto e la sua consumazione contribuisce a mantenere viva una tradizione secolare. E’ certo che garantisce a chi lo assaggia una esperienza sensoriale e gustativa ineguagliabile ed anche molto salutare! Si dice che sia questo l’elisir di lunga vita che ha contribuito a fare dei pastori una delle popolazioni più longeva al mondo. Il latte di pecora ha un sapore e un gusto inconfondibili. Ha più corpo rispetto al latte vaccino ed al palato risulta dolce e cremoso. Questa sua caratteristica la ritroviamo tutta nel formaggio Pecorino, che pertanto può vantarsi di un sapore molto delicato. Il latte di pecora contiene una quantità inferiore di lattosio rispetto al latte vaccino. Per questo motivo il Pecorino, da cui deriva, si presta particolarmente bene al consumo per quelle persone che ne sono intolleranti. Il Pecorino contiene una quantità di proteine molto superiore rispetto alla media degli altri formaggi. Il latte di pecora inoltre contiene trigliceridi a catena media, che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo. E’ anche un’enorme fonte di calcio e di vitamina A e vitamina E. Importante è anche la presenza di vitamina D che non è facilmente trovabile negli alimenti e per questo motivo il consumo del Pecorino costituisce una valida alternativa all’esposizione solare, con la quale l’organismo normalmente la produce. Il Magnesio, definito dalla comunità scientifica come il minerale dei miracoli, è un’arma di difesa contro le più comuni malattie. Il latte di pecora è naturalmente ricco di magnesio e questa sua caratteristica la ritroviamo nelle forme di Pecorino. Secondo un recente studio dell’Università di Firenze, il latte di pecora, e quindi il Pecorino che ne è diretto derivato, è un importante fattore di prevenzione sia contro le malattie cardiovascolari che contro alcuni particolari tipi di tumore. Un prodotto eccezionale, Il Pecorino Stagionato ha un sapore deciso, leggermente piccante, tipico dei formaggi ovini stagionati, ma rimane umido e morbido all’interno. Soprannominato da noi oggi l’elisir di lunga vita dei veri buongustai!

Il pecorino è perfetto per essere mangiato da solo, accompagnato da un po’ di pane, ma anche per essere grattugiato sulla pasta o a tocchetti per insaporire le zuppe. Il gusto deciso e la nota piccante di questo formaggio si sposano perfettamente con miele di acacia oppure con composte tendenti al dolce; quindi consigliamo la composta di pere, di fragole, frutta fresca come l’uva, creme di peperoni, aceto balsamico anche composta di kiwi e zenzero per gli amanti dei sapori speziati. Esalta ancora di più le sue qualità organolettiche abbinandolo con vini corposi. Ideale per condire primi piatti come pasta alla carbonara, bucatini all’amatriciana, spaghetti cacio e pepe, spaghetti con pesto di rucola e pomodorini freschi. Conserva il Pecorino nella parte meno fredda del frigorifero, all’interno di un incarto che consenta il passaggio dell’aria, non in pellicole di plastica che possono causare la fermentazione del formaggio. Evita in ogni caso calore e freddo eccessivo. Toglilo dal frigo almeno un’ora prima di servirlo in modo che sia a temperatura ambiente.

Ingredienti: latte di pecora, sale, caglio
Allergeni: latte e prodotti a base di latte (incluso lattosio)
Aspetto interno: pasta cotta, bianca compatta
Aspetto esterno: crosta di colore giallo paglierino, crosta non edibile, forma cilindrica
Tipo imballo primario: sottovuoto
Tipo imballo secondario: polistirolo
Stagionatura: minima 9 mesi
Scadenza: 150 gg
Temperatura di conservazione: da 2 °c a 4°c
Origine del latte: Italia
Peso (g): 300 circa


Caciocavallo Stagionato

Il caciocavallo è senza dubbio uno dei formaggi storici del Mezzogiorno d’Italia. Già nel 500 A.C. Ippocrate menzionava la produzione di cacio, discutendo dell’arte greca di produrlo. Sono numerosi gli aneddoti legati al nome di questo formaggio, probabilmente l’origine dell’appellativo “Caciocavallo” viene dall’usanza, antica quanto il formaggio stesso e ancora oggi usata, di legare le forme a coppie e di appenderle a stagionare a cavallo di una trave. Prodotto tipico delle regioni del sud Italia, tra cui la Puglia, è realizzato con latte di vacche prevalentemente alimentate allo stato brado. Queste mucche vengono allevate pascolando nella macchia mediterranea fino alle steppe appenniniche in luoghi ricchi di arbusti e piantine di sottobosco. E’ cosi che il loro latte si caratterizza delle tipiche note aromatiche che ritroviamo nell’odore del caciocavallo, con una diversa intensità a seconda della stagionatura che va da un minimo di 15 giorni ad oltre due anni e più. Anche il sapore richiama l’aromatico del sottobosco, piacevole, tendenzialmente delicato e dolce quando è giovane, mentre diventa piccante a stagionatura avanzata. Terminata la stagionatura le forme si possono presentano ricoperte da muffe sotto le quali la crosta è dura e lucente, la pasta compatta e di colore giallo oro intenso, con piccole fessure che lacrimano grasso. Con un aroma acuto e persistente ed un sapore pieno e pastoso il caciocavallo è il connubio perfetto tra le antiche tavole imbandite dei contadini e le ricercate e affascinanti cucine moderne.

Ottimo anche da gustare con il pane o con verdure, se di breve o media stagionatura. In cucina è utilizzato per insaporire molte pietanze. Si accosta a vini bianchi dal profumo avvolgente e di personalità. Se invecchiato, predilige vini rossi di medio corpo. Il caciocavallo è un formaggio che si presta particolarmente ad essere fuso. Una tipica ricetta che lo rappresenta è quella del “Cacio all’argentiera”, una preparazione molto veloce che si realizza tagliando il caciocavallo a fette spesse che andranno poi dorate in padella e servite a tavola cosparse di origano e prezzemolo, e aceto.
La leggenda parla di un orafo che, per non far sapere ai vicini della sua disgrazia economica, si impegnasse a creare profumi di pietanze ricche con ingredienti poveri. L’astuzia consisteva nel mettere al posto del coniglio, il più economico caciocavallo insaporito grazie alla fusione dei profumi dell’aglio con il formaggio, l’origano e l’aceto sfumato, sembrava così che nulla fosse cambiato.
Conserva il caciocavallo nella parte meno fredda del frigorifero, all’interno di un incarto che consenta il passaggio dell’aria, non in pellicole di plastica che possono causare la fermentazione del formaggio. Evita in ogni caso calore e freddo eccessivo. Toglilo dal frigo almeno un’ora prima di servirlo in modo che sia a temperatura ambiente.

Ingredienti: latte, sale, caglio
Allergeni: latte e prodotti a base di latte (incluso lattosio)
Aspetto interno: pasta compatta, acidulo, di colore paglierino
Tipo imballo primario: sottovuoto
Tipo imballo secondario: polistirolo
Stagionatura: 90 gg
Scadenza: 180 gg
Temperatura di conservazione: da 2 °c a 4°c
Origine del Latte: Italia
Peso (g): 550 circa


La Produzione della Mozzarella di Bufala DOP

La nostra Mozzarella  è l’unica prodotta in Puglia esclusivamente da latte di bufala pugliese. Operare in un territorio incontaminato, quello del Parco Nazionale Del Gargano, ed avere il controllo della intera filiera bufalina ci consente di assicurare ogni giorno qualità e genuinità delle produzioni.



Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.


L’allevamento della Bufala

Da sempre Ufficialmente Indenni, i nostri allevamenti di bufala si caratterizzano per le ottime produttrici di latte.
Per garantirne un’eccellente qualità adottiamo specifici requisiti per il benessere degli animali (salute fisica e mentale in armonia con l’ambiente), un’alimentazione equilibrata a base di fieno e paglia del Tavoliere delle Puglie, uso di materie prime e mangimi selezionati e la massima cura nella mungitura garantendo ogni giorno un latte eccellente e incontaminato.
Tutti i capi sono iscritti al Libro Genealogico della Specie Bufalina di Razza Mediterranea Italiana.